Una torrida estate calda


Vento di passioni
Estate: la stagione delle passioni.

La maggior parte delle persone perde completamente la tramontana durante le vacanze.

Crede di poter dar fuoco alle polveri, di poter fuggire dalla triste realtà in cui si sente confinata nel quotidiano.

E' la stagione delle avventure!

Uomini e donne si lanciano in sperticati voli pindarici spesso assai prosaici.



Sardegna in fiamme

Purtroppo ci son persone che traducono la focosa passione in altro tipo di fiamme.

Comunque vili. Ma in questo caso non si limitano a danneggiare il consorte: qui si superano!

Qui finiscono col danneggiare un intero Paese.

La Sardegna è il teatro che ogni estate viene ferito con maggiore pervicacia.
Complice il generoso vento, il vile di turno si esprime accendendo una miccia e scappando, con l'unico fine di portare morte e distruzione.

E quest'anno, a farle compagnia, il Friuli Venezia Giulia della neo presidente Serracchiani.

La desolazione che prende forma nei paesaggi devastati dalle fiamme non deve essere dissimile da quella che terrà compagnia a questi sciagurati per il resto della loro miserrima esistenza.

Il sogno di imbattersi in uno di questi soggetti privi di onore ha toccato la mente di molti.

La speranza è quella di riuscire a prenderne uno. A mo' di esempio...

Come diceva un vecchio saggio: 'Colpirne uno, per educarne cento!'


Commenti

  1. EH.
    Mi dicono, a proposito, che l'organico della Guardia Forestale sia all'osso ... a fronte di torme di impiegati da scrivania, intenti a scarabocchiare INUTILE CARTA da mane a sera ...

    RispondiElimina
  2. Si, i problemi sembrano molteplici. I fondi all'osso ma soprattutto la speculazione dietro. Dalla pastorizia all'edilizia d'assalto. Non sono aggiornato ma il codice penale mi sembra leggero con chi appicca il fuoco, oltretuttto se ne prendono davvero pochi. Chi dice che in Sicilia, a fronte di un organico di forestali stagionali che non ha pari nel mondo, si appicchi per dimostrare la loro utilità. In Sardegna credo si parli spesso di pastorizia e meno di edilizia rapace perchè le nuove norme introdotte qualche anno fa dovrebbe scongiurare nuovi permessi di costruire dove ci sia stato incendio e comunque vicino al mare ormai non c'è nulla più da costruire.
    Addirittura leggevo che i mezzi antincendio aerei sono la metà di quelli disponibili l'estate scorsa.
    Purtroppo la gente fatica a capire cosa sono i tagli lineari e perchè si dovrebbero adottare quelli ragionati provenienti da spendig review intelligenti....Bondi dove sei??? Hai preso uno stipendio per dire che???

    RispondiElimina
  3. Sì ...
    non se ne viene a capo.

    RispondiElimina
  4. In ogni settore i tagli effettuati col sistema della falce di Comare Morte produrranno danni solo nel tempo a venire: gli stolti cittadini saranno felici di non vedere intaccato il proprio miserrimo orticello mantenendo inalterata la possibilità di guardare le partite in tv, incuranti di tutto il resto.

    RispondiElimina

Posta un commento

Arricchiscimi esprimendo il tuo pensiero.