40 anni, vergine.


darospoaprincipe40 anni è un'età difficileÈ comunque tempo di bilanci.

Se si è sposati e con figli è tempo di crisi: avrò fatto la cosa giusta? Dopotutto... ''La collega è intrigante assai''... ''Il padre di Giorgetto ammicca sempre''... Manca qualcosa per sentirsi felici, ecco.

Se si è divorziati, nulla quaestio: hai sbagliato qualcosa! La crisi è sotto gli occhi di tutti... A dispetto di quanto bene tu riesca a ricostruirtela, una vita.

Se si è ancora single... Beh... È oggettivo: dov'è l'inghippo? E in questo terzo caso si sviluppano pure considerazioni di genere. 

L'orologio biologico fa tic, tac... Non tutte le donne fanno la fine di Lola Ponce, due volte madre a 32 anni!


darospoaprincipe
Le donne sole, infatti, imputano la propria condizione agli uomini 'peter pan', alla sfiga, al destino cinico e baro che brutalmente si è accanito contro di loro, esseri perfetti incompresi dall'universo e da Dio. Mai al proprio 'carrierismo'.

Al Sud ci si aggiunge pure 'a famigghia a colpevolizzarle, povere fanciulle!

Un uomo solo a 40 anni e senza manco un divorzio alle spalle è visto palesemente come un 'errore di sistema'. 

L'uomo, invece, vive mediamente la propria solitaria condizione come un semplice dato di fatto: è capitato. Punto.

Un Uomo di 40 anni non ritiene che le donne siano 'tutte puttane': sa bene che sono pensieri degni di un quindicenne; sa bene che le generalizzazioni andavano bene quando ancora credeva che le finestre delle camerette dovessero restare aperte.

Poi si cresce.

E si perde la capacità di sognare.

darospoaprincipeJudd Apatow scrive e dirige un film che mette un po' alla berlina il 40enne single che si scopre essere ancora vergine. Steve Carrell dona spessore a un personaggio altrimenti già sviscerato banalmente in molteplici commediole.

Si tratta appunto della storia di Andy Stitzer, un 40enne del 21° secolo con il problema principe che attanagliava gli adolescenti negli anni 80: dare corpo ai sogni.

È la storia che ci pone davanti a noi stessi e all'evoluzione che ha colpito la nostra generazione: si ride amaramente riflettendo su questo punto.

Le paure che nel dopoguerra venivano superate a 11 anni, negli anni 70 a 18. negli anni 80 a 25, oggi si superano con una certa fatica a 40. Viviamo più a lungo, certo, ma sembra quasi che non riusciamo a far tesoro del tempo in più che ci è stato donato dal progresso tecnico-scientifico. Cui prodest?

La commedia si dipana nella classica rete di equivoci fino al lieto fine: la rete (il web) tutti ci aiuta a trovare una nostra dimensione nel reale.

Ma la vita, purtroppo, viene spesso scritta da sceneggiatori meno ottimisti, che tutti ci lasciano in balia di angosce e paure.


-----------------
"Ma hai quarant'anni..."
"Oggi è come averne venti!"

Commenti

  1. ....dopo questo bel commento .... stamattina ha sollevato il mio animo di 20enne!!! Grazie. L'ostrica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noi ventenni dei tempi moderni abbiamo di certo una marcia in più!

      Elimina

Posta un commento

Arricchiscimi esprimendo il tuo pensiero.