Corridoio verde - Green Corridor


Il Corridoio Verde...

frutta tradita
frutta tradita
Il nome bucolico lascia intendere che si stia trattando di un argomento ecologico, soave; e invece, al più, si vanno a toccare le rabbiose corde dell'Incredibile Hulk.

Come al solito ci hanno spacciato per vantaggioso un accordo con l'Egitto in base al quale l'Italia sarebbe stato il Paese tramite cui sarebbero passati in Europa i prodotti agricoli nord africani.

Bene: dopo le singole frutterie, regaliamo all'Egitto tutto il comparto!

Come tutti i prodotti d'importazione da Paesi in cui il costo del lavoro è infinitamente più basso e dove le leggi da rispettare nelle fasi produttive sono decisamente meno stringenti che in Europa, anche questi ortaggi Egiziani vantano prezzi decisamente competitivi.

Ora: come per i giocattoli Cinesi, rivelatisi tossici in buona parte, anche questi prodotti entrano nel nostro Paese senza la benché minima garanzia fitosanitaria.

Sembra quasi che la nostra illuminata classe dirigente abbia a cuore gli interessi economici delle lobbies, più del benessere dei SINGOLI elettori... 

Di fatto porta avanti le istanze dei gruppi organizzati tradendo sistematicamente il mandato ricevuto dal disorganizzato cittadino.


g_molteni_la_confessione_1838
confessione e peccati
Qualunque individuo di buon senso non può che essere stanco della situazione che stiamo vivendo: e infatti, saggiamente, tutti gli individui di buon senso riposano.

Farabutti, manigoldi, truffatori, imbroglioni, politici di professione... Loro sì, che non si stancano mai di mandare avanti il Paese.

Noi, invece, siamo troppo stanchi per mandare loro a...

L'11 maggio mi son trovato a passare con degli amici per Piazza Garibaldi in Terracina, verso le 11:00 a.m. L'11... Un segno del destino?

Le ennesime elezioni farsa ci si stanno allegramente facendo incontro e nella piazza erano stati montati tre gazebo.

Il primo era della Lista Tsipras (erano anni che l'italiano non ricorreva allo straniero per liberarsi della propria classe dirigente corrotta: le altre volte non è poi andata benissimo...): a parte i tre militanti, nessuno.

Il secondo era di Forza Italia: son passati 20 anni, ma evidentemente non per tutti. A parte i due militanti, nessuno.

Stavano tutti accalcati al gazebo del Pd? I piddini non erano presenti. Loro ormai non cercano più manco il contatto col cittadino: hanno Renzi che lavora a reti unificate (web e Twitter inclusi!).

C'era il gazebo dei Grillini, allora? No: probabilmente non gli avevano rilasciato il permesso dal comune...

Ma... Allora chi c'era in piazza? I devoti fedeli usciti dalla parrocchia?

Forse. Forse c'era anche gente che si trovava a passare per caso. 

Coordinamento 9 Dicembre 2013
Coord. 9 Dicembre 2013
Sta di fatto che in fondo, nella parte più nascosta di Piazza Garibaldi, ho avuto modo di vedere una piccola folla di persone; di lì a breve un signore ha brandito un microfono e ha cominciato a spiegare agli astanti le problematiche concrete dei contadini dell'agro pontino imputabili anche a quell'inverecondo Corridoio Verde.

Di seguito s'è reso promotore della gratuita distribuzione di una sporta piena di verdure fresche e nostrane. Niente promesse sul futuro: subito fatti.

Ho poi scoperto che il signore in oggetto altri non è che il leader del Coordinamento Nazionale 9 dicembre 2013, tal Danilo Calvani (personaggio distrutto dai media dopo che aveva guidato un tentativo di manifestazione in piazza Montecitorio: tutti i SINGOLI italiani sono sempre lieti di farsi dire chi è buono e chi è cattivo; tutti sono felici di potersi sempre piegare alla logica della pagliuzza e della trave; nessuno si ferma un attimo a riflettere sui contenuti. Mai).

La campagna di cui s'è fatto portavoce col sottofondo dell'Inno di Mameli, è quella vessata da tasse e legislazione liberticida, quella in cui risulta addirittura antieconomica la raccolta di alcuni prodotti.

Demolito anche il settore economico primario, dopo aver svenduto il secondario, la nostra lungimirante classe politica ci lascia vivere (!?) di terziario, quello dei servizi, per intenderci.

E quando smetteremo di fare servizietti alla Germania e alla Ue, cosa ci resterà?!


L'agricoltura è molto semplice quando il tuo aratro è una matita e tu sei distante miglia dal più vicino campo di grano. - D. Eisenhower





Commenti

  1. Bravo così si risolvono i problemi dei cittadini, regalando prodotti e basta, le idee sono giuste per carità, ma non si poteva sperare di portarle avanti con il movimento dei forconi o 9 dicembre che sia, se poche persone, rispettabilissime perché in difficoltà, gli hanno creduto un motivo ci sarà..un proverbio per Calvani glie lo dedico io...."Dai un pesce ad un uomo e lo sfamerai per un giorno..Insegnagli a pescare e lo sfamerai per tutta la vita" MOVIMENTO 5 STELLE unica REALTA' - VINCIAMO NOI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Divisi, ahimé, non credo si riuscirà mai in alcunché!

      Elimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. Non arriverà da nessuna parte il m5s, una versione politica dello schema Ponzi dietro la quale ci sono le corporation yankee.
    Quante volte abbiamo visto gli stellati in piazza, nell'ultimo anno ?
    Guardate la Turchia : contro le ingiustizie, dal progetto di Piazza Taksim alla fresca tragedia dei minatori, i turchi sono scesi in Piazza e hanno interrotto le vie di comunicazione.
    Quello pummarolo, è un Popolo di merda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In realtà non tutte le manifestazioni riescono col buco: guarda quella Ucraina, per esempio.
      Possiamo anzi dire che le uniche rivoluzioni che avvengono in età contemporanea sono quelle foraggiate dagli usa del poro obama.
      Possiamo dire che non hanno alcun interesse a che si verifichi una sana rivoluzione in Italia!?

      Elimina
    2. L'hanno già imbrigliata, con la loro creatura m5s.

      Elimina
  4. Giusta, l'obiezione del Borzum sulla sensatezza dell'accordo italo-egiziano : c'è solo da sperare che esistano ancòra i contadini ruspanti di una volta, pronti anche a prendere i fucili da caccia per difendere i propri diritti ...

    RispondiElimina
  5. Il coltello è dalla parte del manico dei consumatori: sarebbe sufficiente che essi sostenessero i contadini italiani acquistando le loro merci al giusto prezzo che significa mantenere sana la PRIMA economia e mantenerla in casa propria.
    A me di risparmiare 40centesimi al chilo per prendere dei prodotti sottratti agli egiziani, vecchi, a kn 2000, e distrugere il contadino che produce in Italia la ricchezza, non interessa.
    E' una cosa stupida alle quali solo delle masse rincoglionite e miopi possono aderire.
    Usare il proprio reddito per manenera ricchezza, lavoro, economia e saperi in Italia, nella tua regione, nella tua provincia, nel tuo comune.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finché ci preoccuperemo eccessivamente della forma, saremo sempre schiavi: la forma l'ha da sempre presa in custodia chi comanda.
      Sono d'accordo: il problema è prima di tutto d'educazione. Quanto incidono quei 40 cent. sull'economia famigliare? Quanto incedono invece sull'economia Nazionale?
      Capendo questo ci si orienterebbe sul VERO made in italy.
      Ma quelli che puntano a risparmiare i 40 cent., sono gli stessi che vanno in fila a comprare l'ultimo aifon: c'è molto da fare, insomma.

      Elimina

Posta un commento

Arricchiscimi esprimendo il tuo pensiero.