Si, viaggiare!


Quel gran genio del mio amico, lui saprebbe cosa fare, diceva Lucio Battisti...

darospoaprincipe
si viaggiare!
Ma io non sono un genio.

Il dramma della guida nel traffico è stato sviscerato forse in tutte le salse.

Facile dar la colpa ai soggetti a cui è stato concesso il diritto di guidare dopo il suffragio universale.

Oggi mi son ritrovato dietro a una donna. In altri contesti mi avrebbe messo gioia. Davvero!

Ma su una strada a curve senza visibilità con intersezioni cieche ogni 300 mt... No!

Ad ogni incrocio le sue luci rosse posteriori s'illuminavano all'improvviso.

Che fare!?




Il mio primo pensiero è quello di maledire la ricerca automobilistica che ancora non ha provveduto a dotare le autovetture di un cannone fotonico.

Il secondo pensiero accantona con delicatezza i sogni più intimi e legittimi e mi riporta sul piano del reale, inducendomi delicatamente alla comprensione.

darospoaprincipe
soluzioni pratiche
Sorpassare sorpresa quella figura col busto proteso in avanti e le braccia piegate sul volante? Improba impresa: la nostra eroina sta al volante di una Fiat Multipla, la peggior macchina che il Padreterno può posizionarti davanti sul misto.

Non resta che trovare un programma di musica classica, respirare profondamente e incrementare la distanza di sicurezza. 

Importante è non pensare al tempo che corre (lui può...), pena la susseguente necessità di sorpassarla e rischiare così di prenderla, provocando quell'incidente che lascerebbe la sua classe di merito inalterata e porterebbe la tua a salire di due scalini.

E la chiamano parità...



Resta dubbio, dopo tanto discorrere, se le donne preferiscano essere prese, comprese o sorprese. - Gesualdo Bufalino

Commenti