Non è un Paese per giovani?


Forse ha ragione Antonio Conte. 
darospoaprincipe
evoluzione virtuale

Forse il problema di questo povero e bistrattato paese è proprio Balotelli.

No. Non perché negro: evitiamo facili commenti razzisti.

Ma forse a causa degli italici natali (in Trinacria), forse a causa dell'accento maturato (Bresciano) è il perfetto emblema dell'italia, la figura che meglio la rappresenta da nord a sud: talento smisurato e carattere infinitesimale.

Giovani evoluti rispetto ai genitori? Virtualmente, si.




darospoaprincipe
eroi pensionati
Forse ha ragione Antonio Conte: ''Non c'è più la voglia di faticare. E invece dobbiamo tornare ad apprezzare fatica e lavoro, oppure questo sarà solo l'inizio della discesa". Manca completamente la voglia; mancano gli attributi.

Noi abbiamo Giovinco; il mondo ha Messi.

Noi ci lamentiamo della nostra minima dimensione; il mondo reagisce, lavora e trasforma il proprio handicap nella propria dote. 
Noi ci rifacciamo a Pulcinella: 'Per mancanza di soldi, quante gite mi sono perso!';
 il mondo ad Alejandro Jodorowsky: 'Non sei che merda. Puoi cambiare te stesso in oro'
Ciò detto: siamo veramente sicuri che i giovani di oggi siano pronti a guidare il paese? Siamo veramente sicuri che il ricambio generazionale sia bloccato da chi non vuole lasciare la propria poltrona?

Vedendo quanto espresso negli ultimi anni, il dubbio è quantomeno lecito.

Richiamiamo gli eroi messi in panchina. Prima che sia troppo tardi.