Ant-Man - il film


darospoaprincipeI tempi cupi che stiamo vivendo risultano il terreno ideale per la coltura di un lungometraggio come Ant-Man: quando le dimensioni contano!

Non nella forma primigenia e sofferta dei primi anni '60 (quella gradita ai Martoniani*, per intenderci), ma in quella più leggera e scanzonata scritta per ultimo da Nick Spencer, alla quale si rifà espressamente questo film. 

E quindi il nostro eroe non risulta più lo scienziato schizoide Hank Pym con macroscopici problemi di ego (si vedano i vari costumi indossati nel tempo), bensì l'idealista ingegnere elettronico Scott Lang sbattuto in galera per un geniale furto informatico perpetrato ai danni di un'assicurazione, in favore di tutti gli assicurati danneggiati.

Il regista Peyton Reed (già deus ex machina di Yes Man con Jim Carrey) confeziona un prodotto gradevole sia nello sviluppo della trama che nelle varie gag inserite col fine di rendere al meglio lo spirito del nuovo corso Marvel-Disney, già intrapreso con I guardiani della Galassia.

*fans di Martone.



darospoaprincipe

La storia, lo sappiano fin da subito anche i Martoniani, oltre ad essere un fantastico fumettone zeppo di effetti speciali da gustare preferibilmente in 3D (anche se i livelli raggiunti da Avatar restano ancora ineguagliati), analizza con somma levità il rapporto generazionale e la preoccupazione del futuro che stiamo per consegnare con somma apprensione ai nuovi venuti.

Insomma... Il vecchio Ant-Man, il dr. Hank Pym (ben interpretato da un redivivo Michael Douglas, dimentico dei fasti di Basic Instinct), cerca un degno sostituto a cui far indossare la sua tuta riducente: il tempo passa impietosamente per tutti, sexy star, scienziati e supereroi inclusi.
darospoaprincipe

Dopo aver perso la moglie Janet Van Dyne, meglio nota come l'eroina Waspin una missione per salvare il mondo, decide di non rischiare la gnocca quanto combattiva figlia Hope (con cui il rapporto è ancora conflittuale) impersonata da un'incantevole Evangeline Lilly, di frangetta alla Valentina dotata, resa famosa dalla telenovela Lost: quando la bellezza conta!

Ora non ci resta che aspettarla nel prossimo probabile episodio delle avventure di Ant-Man, inguainata nell'attillatissima tutina da supereroina.

Un secondo rapporto generazionale che muove i fili della vicenda è quello tra Scott e l'amata figlia Cassie.

darospoaprincipeÉ per lei che trova la forza di rialzarsi. 'Diventa l'uomo che lei crede che tu sia!', gli dice l'ex moglie con affetto. Quando la motivazione conta!

Lui è infatti anche un padre divorziato, un ex marito, oltre ad essere l'ex carcerato in cerca di riscatto.

Carcerato, sì, ma dall'animo nobile e con un forte senso di Giustizia: un novello Robin Hood non seriale, ecco chi è Scott Lang (interpretato da un Paul Rudd perfettamente calato nel personaggio da pilota di tuta da eroe, forse memore del suo esordio nello spot della Super Nintendo dove giocava a F-Zero).

Un uomo ben inserito nella società che viene poi espulso dal sistema e cerca con tutte le sue forze di farvi rientro: esiste forse esempio migliore per definire la realizzazione dell'immaginifico sogno americano?
darospoaprincipe


Il dr. Pym ravvisa in Scott il soggetto ideale a cui far indossare la tutina da Uomo Formica: eccola, la seconda occasione che tutti attendiamo impazientemente nella nostra vita.

Ci vuole un po' di fortuna, d'accordo. Ma bisogna anche farsi cogliere preparati: Scott è atletico, agile, intelligente, affabile, simpatico, onesto, idealista, etc, etc...

Scontro generazionale come filo rosso del lungometraggio, dicevamo.

darospoaprincipeCe n'è un terzo che finisce col dare origine all'intera matassa narrativa: quello tra il vecchio dr. Pym e il suo delfino designato, il figlio mai avuto che va oltre i semplici geni recessivi, il fragile ma motivatissimo Darren Cross.

É lui a portare avanti gli studi del dr. Pym nel tentativo di impressionarlo favorevolmente per ottenerne il sempre agognato rispetto ed è lui a creare la nuova tuta riducente, la Yellowjacket del temibile Calabrone. Quando lo spirito di rivalsa conta!


darospoaprincipe

É a questo punto che si rivela necessario il training di Scott con la mise da Ant-Man per renderlo armonicamente inserito nel complesso e ordinato mondo delle formiche come loro leader. Il ben coreografato scontro con Falcon degli Avengers fa parte dell'allenamento.

Lo scopo è distruggere la Yellowjacket, arma appetita dall'Aim e dalle maggiori potenze mondiali, rinchiusa nel protettissimo bunker della Pym Technologies.

'Non hai la minima possibilità di riuscita', dice Hope a Scott; 'Sei davvero una grande motivatrice!', replica lui sardonico per poi gettarsi a capofitto nella battaglia a cavallo di Anthony, una formica volante, novello Zorro sui generis.

É nell'ultima parte del film che prende piede la vena Disneyana: quando i soldi contano!


darospoaprincipe
Dapprima nello scontro all'interno di una valigetta tra i due miniaturizzati supereroi e poi nel mirabolante epilogo che vede come scenario la cameretta di Cassie, dove il trenino Thomas finisce col rubare la scena a tutti!

Senza dimenticare il solito divertente cameo di Stan Lee.

La morale del film alla fine dei conti? Se non si aggiustano i rapporti con i genitori (putativi o naturali, non importa), la nostra vita finisce a schifio!

N.B. Per chi ancora non lo avesse capito, onde evitare di perdere scene comunque incluse nel prezzo del biglietto, vi consiglio vivamente di aspettare la fine della pellicola, qui determinata da una seconda sigla: la contaminazione tra spin-off prosegue incessante!


Commenti