Reato di opinione


La Treccani ci aiuta magnificamente a capire di che si tratta: 

darospoaprincipe''Espressione comunemente usata per indicare una categoria di reati che comprende gran parte dei delitti contro la personalità dello Stato, con particolare riferimento ai reati di propaganda e apologia sovversiva, nonché di vilipendio della repubblica e delle istituzioni costituzionali''.

La materia è stata modificata dalla l.n. 85/2006.

Reato di opinione... 

Difficile trovare il bilanciamento con la libertà di espressione e di pensiero.

É materia delicatamente demandata alla libera discrezionalità del giudice, infatti.




darospoaprincipe
Fior fior di intellettuali italiani si son distinti negli ultimi anni come baluardo di difesa dell'operato della magistratura. E la massa li ha seguiti.

Han lottato come leoni mettendo la propria penna sagace al servizio della libertà d'azione della magistratura. E la massa li ha letti con orgasmico piacere.

Hanno partecipato ad ogni possibile salotto televisivo per rimarcare a viva voce la necessità di mantenere libero l'operato della magistratura. E la massa ha fatto il tifo per loro.

Ricordiamo tra gli altri insigni esponenti dell'italica intellighentia Roberto Saviano ed Erri De Luca.

Sempre in prima linea. No: non quella venuta fuori dalla Lotta Continua conosciuta anche per l'affaire Sofri - Calabresi. No!

Quella prima linea eretta contro chiunque osasse mettere in dubbio la giustezza delle sentenze dei giudici.

E allora 'sta libertà di opinione?! Chi deve decidere sulla giustezza dell'opinione liberamente espressa da un cittadino, se non i giudici!?

darospoaprincipeNe sanno qualcosa Lino Jannuzzi e Francesco Storace, per esempio. Ma loro stavano tra i cattivi e non contano.

Poi, però... Otto mesi di reclusione per istigazione al sabotaggio: questa la pena richiesta dai pm Antonio Rinaudo e Andrea Padalino proprio per il paladino Erri De Luca.

E così i giudici finiscono alla berlina sui social: guai a toccar gli amici dell'intellighentia!

Inutile guardare oltre le stranezze di cui si ammanta la coerenza di questi fenomeni da baraccone che improvvisano caroselli e spettacolini in difesa dei propri sodali e maestri quando questi incappano nelle maglie della giustizia.

Loro non sanno che pure ''l'apologia di fascismo'' è reato di opinione. 

E non sanno neppure che, pur essendo stato formalmente estromesso dalla lista dei reati di opinione, il Negazionismo della shoah è argomento che può essere punito con una pena fino a tre anni.

D'altra parte s'è passati da socialisti urlanti in piazza a SOCIAListi schiamazzanti sul web.

Tutti parlano di tutto. Tutti criticano quello che i maestri di pensiero di riferimento mettono all'indice con sommo sprezzo: tuttologia applicata allo scibile.

Ed è così che ci si ritrova allegramente tutti compresi sotto l'hashtag di copertura nazionale #iostoconerri.

Ma ci si ritrova anche tutti sotto l'hashtag #missitalia, a sparare fieri contro la povera Alice Sabatini, la neo eletta rappresentante della bellezza italica che ha liberamente espresso il proprio misero pensiero sulla guerra.

Non la libera espressione di tutti i pensieri merita di essere difesa, dunque.

darospoaprincipeE chi sta con Erri, mediamente, sputerà sarcasmo e rabbia e odio contro Alice e contro Jannuzzi e contro Faurisson. 

Coerentemente. 

italiani fino in fondo. E anche oltre.


Luna di miele ad Auschwitz Fred Leuchter

Commenti