Cinema a due euro


darospoaprincipeCinema a 2,00 €?

Mah... Il secondo mercoledì del mese il pensiero di tutti viene condotto alla settima arte.

Anche se è stato eletto il presidente degli usa (& getta) cattivo?

Era, questo, un problema sentitissimo dal pueblo unido: media, pensatori e casalinghe non parlavano d'altro!

Un flash... come tutti gli argomenti di distrazione di massa. Una magia.

Infatti...


darospoaprincipe

... Alle 21:00 mi ritrovo al cinema, prefissato punto di incontro con un gruppo di amici, per godere del film dr. Strange: cinefili e critici ne han ben parlato, per cui, pur essendo un prodotto della Marvel, anche i Martoniani si aggregano fiduciosi.

Spazio antistante alle sale gremito come ad una svendita di iphone 6: le preoccupazioni per l'elezione di Donald Trump a 45° inquilino della Casa Bianca sembravano dissolte. El pueblo unido s'era dato convegno lì!

Sala 1: 0 posti.
Sala 2: 0 posti.
Sala 3: 0 posti.

E quella che precede la parola 'posti' non è la lettera O.

Situazione replicata sugli spettacoli successivi. Fino alla chiusura. Pure per le versioni in 3D: zero posti.

Ora... Capisco la crisi, ma il biglietto ribassato per guardare dalla prima fila un lungometraggio zeppo di effetti speciali, col collo atteggiato in posizione di pre lussazione di c7, mi sembra davvero troppo!

Tutti a cercare conforto nella settima arte, data la ferale notizia dell'elezione arancione.

Ancora poco e sarebbe arrivato pure Noé: avevamo tutti bisogno di essere salvati.

Anche perché il Dio dell'Antico Testamento stava impegnandosi a punirci anche per le scelleratezze delle vite precedenti: diluvio corredato di vento e saette; freddo della madonna (la signora Ciccone non scalda più come un tempo).

E più arrivava gente che trovava le sale esaurite in ogni ordine di posto, più le bestemmie si elevavano alte nel cielo, più il Padreterno la mandava giù ch'era una bellezza.

E chi aveva approcciato la mattina bestemmiando per l'ennesima trombatura della Clinton (in senso lato, eh?), continuava bellamente a tirar giù moccoli come se piovesse anche dopo l'ora dei vespri. E, in effetti, pioveva assai.

Noi, affatto preoccupati delle notizie mattutine, evitavamo accuratamente ogni bestemmia così come il film aveva evitato noi: pacificamente. Noi siamo gente a posto. Senza posto, in effetti
darospoaprincipe
Bastava prenotare per tempo. On-line. Aggiungendo di fatto un euro ai due del biglietto in promo. Vabbé... Alla prossima!

Cantando allegramente 'I'm singing in the rain' ci siamo allontanati da quella folla indiavolata. Ciascuno pacatamente verso la propria candida casa: a ciascuno il suo.

Alla prossima settimana, Dottore: il problema Trump, per quel tempo, sarà bello che dimenticato.

L'italiano, si sa, è il popolo più capace e meglio organizzato a salire sul carro del vincitore: tra sette giorni ci sarà dell'altro a tirare più forte. Ma, complice il biglietto a prezzo non scontato, le sale risulteranno di sicuro nuovamente agibili.




-Vip per Hillary Clinton-
Obama, Madonna, Beyoncé, Jay Z, Jennifer Lopez, Pedro Almodóvar, George Clooney, Lady Gaga, Barbra Streisand, Quentin Tarantino, Anastacia, Mariah Carey, Adele, Eva Longoria, Jessica Alba, Halle Berry, John Travolta, Liv Tyler, Natalie Portman, Anne Hathaway, Morgan Freeman, Katie Holmes, Drew Barrymore, Jake Gyllenhaal, Lindsay Lohan, Julia Roberts, Bono, Dustin Hoffman, Chris Rock, Miley Cyrus, Tom Hanks, Kim Kardashian, Mary J. Blige, Magic Johnson, Sigourney Weaver, Meryl Streep, Snoop Dogg, Lebron James, Ellen DeGeneres, Robert De Niro, Elton John , Jon Bon Jovi, Justin Timberlake, Lil Wayne, Christina Aguilera, Cher, Heidi Klum, Pharrell Williams, Alicia Keys, 50 Cent, Salma Hayek, Naomi Campbell, Louis CK, Leonardo DiCaprio, Bruce Springsteen
-Vip per Donald Trump-
Clint Eastwood
La morale? la morale è che a Clint Eastwood nun je devi caca'  er cazzo!
 - Ivan Giannelli





Commenti