Il film della Profezia

Ogni promessa è debito: solo che fino ad ora loro hanno fatto le promesse e noi le abbiamo pagate - Valentino

darospoaprincipeCome non riconoscere valore profetico alla sceneggiatura de "L'ora legale", scritta a molte mani da Ficarra e Picone, Edoardo De Angelis, Nicola Guaglianone, Fabrizio Testini alla luce dei risultati elettorali fuoriusciti dalla prima tornata delle amministrative del 2017?

Il paese è pronto a far crescere il nuovo che avanza? Sì: tra le scorie da smaltire!




Cosa fa di Leoluca Orlando un sindaco da rieleggere? Molti se lo sono chiesto, in effetti. Non i palermitani, però: loro lo hanno votato compatti per l'ennesima volta. Tra il nuovo Pierpaolo Natoli (un purissimo Vincenzo Amato) e lo smagato Gaetano Patané (un puntualissimo Tony Sperandeo), il popolo sovr ano ha deliberato nel chiuso della cabina elettorale.

darospoaprincipePossiamo dire che il problema del 'nuovo' che non ha sfondato elettoralmente sono state le 'sindache' di Torino e Roma?

Possiamo dire che le suddette sindache sono state oggetto di campagne mediatiche degne del miglior berlusca ai tempi delle olgettine? Possiamo dire che hanno cavalcato l'onda di merda mediatica per insediarsi, ma non sono state in grado di rispondere alla risacca che le ha sommerse?

Co' 'sta crisi che ce sta, diciamocelo, l'italia l'onestà nun se la po' permette'! - Politico Romano

darospoaprincipePerché diciamocelo: un conto è dire che ci vorrebbe una stretta contro la sosta selvaggia, altro è ricevere una multa per il proprio parcheggio indegno di un paese civile.

Un conto è imprecare contro l'inquinamento, altro è chiudere le fabbriche che non rispettano la normativa ambientale.

Un conto è inneggiare alla politica pulita e libera dalla corruzione, altro è non avere un referente a cui chiedere l'abbreviazione dei tempi per la risonanza magnetica.

E le gag del film su tali argomenti sono rivelatrici di questo costume tipicamente italiota. Si ride assai. Anche i martoniani ridono e apprezzano. Ma si ride a denti stretti. E i conti non tornano.

Onestà non dobbiamo pretenderla dal nostro vicino: onestà dobbiamo pretenderla anzitutto da noi stessi - Natoli

E allora, in finale, perché votare per l'onestà
Cambiamento è solo una parola d'ordine: poi si predilige sempre la restaurazione - Patané
Al ballottaggio del 25 giugno, mi raccomando, vota chi ti ha governato fino ad oggi: troverai sempre una valida motivazione razionale per farlo. 

Metti una bella croce sui sogni delle nuove generazioni. Metti in croce il puro idealismo dei millennials. Crocefiggi ancora una volta il futuro.

- Veramente... Sei senza dignità!
- Ehhhh... lo so: è un dono di natura!


Commenti