Passa ai contenuti principali

H A L L O W E E N (ognissanti)

darospoaprincipe
''Che dire della giornata di Ognissanti?! Sono solo chiacchiere (col distintivo...) quelle che lamentano la mancanza di spiritualità dalla festività: ormai si pensa solo ai regali, alle zucche, al dolcetto e allo scherzetto; ormai non si coglie più l'aspetto religioso; ormai è solo una festa commerciale; bla, bla, bla...

Il giorno di Ognissanti onorava il martirio dei primi cristiani e venne spostato dal primo maggio (poi passato ai lavoratori, oggi considerati morti che camminano, in effetti!)  al primo novembre in modo da unirla agli antichi rituali druidici del 31 ottobre, il Samhain (una sorta di festa di fine estate). 

Nel decimo secolo D.C. si consolidò questa tradizione: onorare tutti i morti, non solo i primi santi cristiani, rafforzando così l'associazione con la stagione dell'anno ‘infestata’ dagli spiriti. 



darospoaprincipeCol passare del tempo la Chiesa finì con l’affermare che gli dei e le dee e tutti gli altri esseri soprannaturali delle religioni antiche avessero un’impronta diemoniaca, costituivano delle manifestazioni del diavolo, principe della beffa che conduceva l'uomo verso l'adorazione di falsi idoli. 

Ecco perché, durante le celebrazioni di Halloween (All Hallows Even: serata di tutti i santi, n.d.a), apparvero rappresentazioni di fantasmi, scheletri, simboli della morte, del diavolo e di altre creature maligne, come le streghe.

A meno di voler porgere l'altra guancia al religioso adagio "credere, obbedire e combattere!", pur tenendo presente che, per carità, ciascuno è libero di bersi ciò che preferisce (a partire dal vino…), non è a mio avviso corretto occultare alla pubblica conoscenza così plateali plagi (la cacofonia era d’obbligo!), né tantomeno spacciare per originali elementi in realtà saccheggiati nel tempo dalle più diverse culture alle più svariate latitudini. 

darospoaprincipeIl cristianesimo è dunque un papale rassemblement  (o un rassemblement dei papi...)!'' S.B.

L'anomalia è ancora più difficile da accettare in un Paese che fa del 'volemose bbene!' il proprio verbo: costruiamo moschee in ogni dove, leviamo il crocefisso dalle scuole, ma impediamo a Google di rendere palese il proprio doodle di Halloween

Mah...

Ognuno di noi è una luna, ha un lato oscuro che non mostra mai a nessuno - Mark Twain
da PensieriParole <http://www.pensieriparole.it/frasi-per-ogni-occasione/frasi-per-halloween/frase-285942?f=t:183>


Commenti

Posta un commento

Arricchiscimi esprimendo il tuo pensiero.

Post popolari in questo blog

Sopra le righe

'Sopra le righe' è espressione idiomatica carica di significato. 
La Treccani ci viene naturalmente in soccorso:
... Di atteggiamento non spontaneo, non naturale ≈ affettato, eccessivo, esagerato, lezioso, manierato. Il suo contrario è: naturale, semplice, sincero, spontaneo
'Sopra le righe' è atteggiamento normale per chi è alla ricerca di sé, come lo può essere un'adolescente.
Tono di voce impostato, risate sguaiate, trucco da clown... e tutti quegli atteggiamenti finalizzati a gridare al mondo 'Ehi: ci sono anch'io!'.

... di sana e robusta costituzione

Tempo di lettura: un po'.


Basta che c'è la salute, no?
Nessun film è paragonabile a quanto il mondo sta vivendo: manco Pilip K. Dick sarebbe mai riuscito a scrivere una storia simile! Jack Kirby, forse...

E infatti i fumetti sono forse l'unico strumento comunicativo in grado di raccontare questi rarefatti momenti di prigionia: fotogrammi che chiarificano meglio di un lungometraggio l'esistenza statica che ci ritroviamo a vivere.
Tutto cominciò con un pipistrello che volò sul nido del... vabbé: e ci ha portato fino alle uova di Pasqua (qui). Ed oltre. Molto oltre. Oltre la sfera del tuono. Verso l'infinito ed oltre. Quante sorprese!
Natale con i tuoi e Pasqua co' vid-19: te lo saresti mai aspettato (qui)?
Ma cerchiamo di impostare un discorso organico (come i rifiuti!): da dove siamo partiti?


Tonici glutei

Per fare un gluteo, ci vuole un muscolo; per fare il muscolo, ci vuole...
Hai cantato, dì la verità.
Ma è difficile trovare culi che parlano, figuriamoci quelli canterini!
Come fare senza ricorrere all'opera dei colleghi del dr. Frankensteen?
Come fare ad evitare le pozioni di Lisle Von Rhoman (la splendida Isabella Rossellini de La morte ti fa bella, diretto dal geniale Robert Zemeckis)?
E mò te lo dico.

Equilibrium & virus

Solo Dio edio sappiamo quanto è difficile mantenere in equilibrio ragione e sentimento?

Anche Jane Austen c'ha scritto qualcosa su, per carità. Ma lì non c'era sviscerata alcuna lotta interiore, se non quella rappresentata nelle due sorelle disturbate dalle adolescenziali tempeste ormonali.
No: ragione e sentimento sono roba seria. Qualcosa che coinvolge i destini del mondo.
Si pensi al diverso approccio adottato per contenere il virus Covid-19 in Italia e in Inghilterra: il premier conte ha optato per la sentimentale salvaguardia dei singoli puntando sul contenimento e radendo al suolo l'economia di una nazione; Boris Johnson ha invece preferito mantenere viva l'economia della nazione prendendo ragionevolmente in considerazione le prospettate perdite umane.

Chi è nel giusto? Chi vivrà, vedrà.

La matrice al tempo del coronavirus

Il coronavirus ha stravolto la nostra esistenza.
È un dato.
Quello che forse a qualcuno non risulta ancora chiaro, è che gli effetti li pagheremo ben oltre il tempo presente.
Che ne sarà di noi?
Noi abituati ad alzarci alle sette del mattino, come zombie, per recarci al lavoro ogni giorno che Dio manda sulla Terra.
Noi abituati ad andare in palestra tre volte a settimana, e che ci rechiamo in vacanza d'estate in Costiera e in inverno a Cortina. Roba da perderci la testa!
Nulla sarà più come prima: ci sarà un ante covid-19 e un post covid-19. Un nuovo anno zero.