Passa ai contenuti principali

Il Rospo Blu incontra Rat-Man


La foto non rende giustizia... 
darospoaprincipe
Leo Ortolani edio

E' solo che... Un amico, anziché Steve McCurry; un cellulare che non scatta, anziché una Nikon D3x; le cavallette e... Stavamo ridendo di cuore fino all'attimo precedente: lo giuro!

La lentezza del fotografo e la fila di questuanti ancora di là da finire ci ha poi messo un po' d'ansia, ecco.

Io ero naturalmente emozionato: trovarsi al cospetto di un Maestro affetto da costanti lampi di genialità è cosa rara, dopotutto. Ancor più raro scoprirne l'estrema disponibilità. Chi 'arriva', in questo Paese, si sente... Arrivato! Spocchia e Vanagloria divengono le sue uniche inseparabili compagne.

Leo, no. Lui mantiene negli occhi la luce di chi vuole scoprire ancora, di chi si stupisce davanti a quella che per tutti è la normalità della vita. Solo così può continuare a produrre le sue esilaranti strisce. In barba a tutti i padre Jorge ancora in circolazione!

Chi non coglie questo aspetto gli chiederà di tener fede all'atavica promessa di chiudere la saga di Rat-Man al n.100. Ragionieri della domenica... Tzè! 
Noi altri confidiamo che l'energia che lo pervade continui ad accompagnarlo per molto tempo ancora. 


Dio salvi Leo, dio salvi Rat-Man!




darospoaprincipe
Roberto Recchioni e Leo Ortolani.
Moderatore: Antonio Incorvaia
Scopro che a Saronno l'incontro è occasionato dalla beneficenza: nella Fabbrica Della Birra si raccolgono fondi destinati all'associazione Quelli che con Luca, che si propone di sconfiggere la leucemia infantile.

Scopro l'ironia del romano Roberto Recchioni, il celebre padre di Detective Dante ed ora di Orfani.

Scopro che la ricerca in Italia va avanti solo grazie alle associazioni private che organizzano eventi come questo e si avvalgono del buon cuore del Nome di turno per ottenere maggior riscontro.

E il Ministero della Salute? E il 5 x 1000? Ma lasciamo perdere le polemiche: nessuna scoperta, in questo ambito... 
Rimbocchiamoci le maniche in prima persona e facciamo, senza demandare: solo così il risultato sarà garantito.
darospoaprincipe
Leo Ortolani & Orfani

Per la somma raccolta nella serata bisogna ringraziare, oltre al proprietario del locale che ha devoluto all'associazione parte degli incassi della serata; i due artisti che han portato alcuni loro albi da vendere con il medesimo obiettivo al pubblico accorso; nonché il disegno realizzato lì per lì da Leo Ortolani e quindi messo all'asta.

Atmosfera conviviale: Leo incontra Roberto in una tavola, per beneficenza.

E' bello conoscere belle persone: ci si sente sempre più ricchi dopo aver donato.






Commenti

Post popolari in questo blog

Sopra le righe

'Sopra le righe' è espressione idiomatica carica di significato. 
La Treccani ci viene naturalmente in soccorso:
... Di atteggiamento non spontaneo, non naturale ≈ affettato, eccessivo, esagerato, lezioso, manierato. Il suo contrario è: naturale, semplice, sincero, spontaneo
'Sopra le righe' è atteggiamento normale per chi è alla ricerca di sé, come lo può essere un'adolescente.
Tono di voce impostato, risate sguaiate, trucco da clown... e tutti quegli atteggiamenti finalizzati a gridare al mondo 'Ehi: ci sono anch'io!'.

... di sana e robusta costituzione

Tempo di lettura: un po'.


Basta che c'è la salute, no?
Nessun film è paragonabile a quanto il mondo sta vivendo: manco Pilip K. Dick sarebbe mai riuscito a scrivere una storia simile! Jack Kirby, forse...

E infatti i fumetti sono forse l'unico strumento comunicativo in grado di raccontare questi rarefatti momenti di prigionia: fotogrammi che chiarificano meglio di un lungometraggio l'esistenza statica che ci ritroviamo a vivere.
Tutto cominciò con un pipistrello che volò sul nido del... vabbé: e ci ha portato fino alle uova di Pasqua (qui). Ed oltre. Molto oltre. Oltre la sfera del tuono. Verso l'infinito ed oltre. Quante sorprese!
Natale con i tuoi e Pasqua co' vid-19: te lo saresti mai aspettato (qui)?
Ma cerchiamo di impostare un discorso organico (come i rifiuti!): da dove siamo partiti?


Digesto e digestione

Tempo di lettura: 2 minuti

I fedeli lettori di Repubblica o de Il Fatto Quotidiano manifestano orgogliosamente la loro percezione di essersi seduti al banchetto dei potenti di turno. 🙌
Lo capisci da ogni loro approccio alla notizia del giorno lanciata a reti unificate: zero analisi e violente offese ai negazionisti che la criticano; matte risate e amorevoli cenni di intesa con chi la condivide convivialmente. 👎👍
A nulla serve impiattare succulenti dati scientifici a confutazione (qui): loro ingeriscono solo il Verbo proferito dai media mainstream. Mai deve essere posto in discussione, pena la dolorosa ricerca di nuovi elitari menù, teneri wannabe!💩
È gente che scodinzola a comando: il 'medio' di turno getta la notizia, a mo' di osso per i cani, e i fedeli lettori cominciano prontamente a latrare.🐶
Il pubblico ha un'insaziabile curiosità di conoscere ogni cosa eccetto quelle che meritano di essere conosciute. Il giornalismo, consapevole di ciò, ed avendo abitudini comme…

Tonici glutei

Per fare un gluteo, ci vuole un muscolo; per fare il muscolo, ci vuole...
Hai cantato, dì la verità.
Ma è difficile trovare culi che parlano, figuriamoci quelli canterini!
Come fare senza ricorrere all'opera dei colleghi del dr. Frankensteen?
Come fare ad evitare le pozioni di Lisle Von Rhoman (la splendida Isabella Rossellini de La morte ti fa bella, diretto dal geniale Robert Zemeckis)?
E mò te lo dico.

Equilibrium & virus

Solo Dio edio sappiamo quanto è difficile mantenere in equilibrio ragione e sentimento?

Anche Jane Austen c'ha scritto qualcosa su, per carità. Ma lì non c'era sviscerata alcuna lotta interiore, se non quella rappresentata nelle due sorelle disturbate dalle adolescenziali tempeste ormonali.
No: ragione e sentimento sono roba seria. Qualcosa che coinvolge i destini del mondo.
Si pensi al diverso approccio adottato per contenere il virus Covid-19 in Italia e in Inghilterra: il premier conte ha optato per la sentimentale salvaguardia dei singoli puntando sul contenimento e radendo al suolo l'economia di una nazione; Boris Johnson ha invece preferito mantenere viva l'economia della nazione prendendo ragionevolmente in considerazione le prospettate perdite umane.

Chi è nel giusto? Chi vivrà, vedrà.