Passa ai contenuti principali

Telefono amico


darospoaprincipe
Il telefono cellulare è ormai un inseparabile compagno di vita.

La meraviglia sta nel vedere come un oggetto che fino a 20 anni esisteva solo nei film di Star Trek, sia oggi divenuto un'appendice di chiunque abbia più di 7 anni di età. Un'appendicite, ormai.

E' uno strumento: dovrebbe aiutarci a vivere in maniera più agevole. Ma tutti gli strumenti che divengono troppo importanti vengono trasformati in droga. Irrinunciabile droga.

Il divenire che viene... Come può nascere qualcosa di buono?

Non sembra ma siamo tutti più facilmente controllabili. La connessione globale sotto comunicazione satellitare consente a chi governa di avere facilmente il polso della situazione, come la Merkel insegna.







darospoaprincipe
Dal quarto potere, al quinto potere.
Dal Watergate a Wikileaks: ne abbiam fatta di strada! In comune è rimasta solo la W di w.c.

Prima l'intercettazione correva sul filo, oggi corre nell'aere. Parlare al cellulare significa non avere segreti: il grande fratello ci ascolta!

Mancava qualche dettaglio al quadro di controllo?! Nessun problema: tanto il mondo fa a botte per avere l'ultimo Apple I Phone in commercio.

Poco male che sia il poco mirabolante IPhone 5s, dotato di riconoscimento a mezzo dell'impronta digitale: il popolo è convinto di desiderarlo! Quello stesso popolo che ha coerentemente gridato in piazza contro la legge bavaglio: i dati personali, perbacco, devono essere di pubblico dominio!

Il popolo sa sempre ciò che vuole; i governi sanno sempre come accontentarlo!


Telescopio. Strumento che sta all’occhio come il telefono sta all’orecchio, e che permette a oggetti remoti di infastidirci con una quantità eccessiva di dettagli inutili e irrilevanti. Ma almeno non ha, come il telefono, un campanello che suona per convocare le vittime al sacrificio. Ambrose Bierce

Commenti

  1. Sì ...
    la gGente non si pone domande sulla propria sicurezza = la propria privacy.
    Clamoroso, il log con l'impronta digitale, dopo che la Apple è finita dentro il buridone PRISM !

    Ma poi ?

    Due mattine fa, alle 7, c'era già la fila davanti all'Apple Store di via Rizzoli, a Bologna, per il nuovo iPhone.
    Nemmeno faceva freddo, ma i dipendenti del punto-vendita offrivano caffè caldo ai viziosi per dare un tocco melodrammatico.
    Sono scelte loro.
    C'è da dire che alcuni marchi, e nell'informatica soprattutto la Mela, sono nel mirino di chi critica un certo atteggiamento ...
    ( che invece, è decisamente più diffuso ).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Schiavi dei brand.
      Schiavi del sistema.
      E tu credi ancora nella possibilità di liberazione del popolo dal giogo del potere?

      Elimina

Posta un commento

Arricchiscimi esprimendo il tuo pensiero.

Post popolari in questo blog

Sopra le righe

'Sopra le righe' è espressione idiomatica carica di significato. 
La Treccani ci viene naturalmente in soccorso:
... Di atteggiamento non spontaneo, non naturale ≈ affettato, eccessivo, esagerato, lezioso, manierato. Il suo contrario è: naturale, semplice, sincero, spontaneo
'Sopra le righe' è atteggiamento normale per chi è alla ricerca di sé, come lo può essere un'adolescente.
Tono di voce impostato, risate sguaiate, trucco da clown... e tutti quegli atteggiamenti finalizzati a gridare al mondo 'Ehi: ci sono anch'io!'.

... di sana e robusta costituzione

Tempo di lettura: un po'.


Basta che c'è la salute, no?
Nessun film è paragonabile a quanto il mondo sta vivendo: manco Pilip K. Dick sarebbe mai riuscito a scrivere una storia simile! Jack Kirby, forse...

E infatti i fumetti sono forse l'unico strumento comunicativo in grado di raccontare questi rarefatti momenti di prigionia: fotogrammi che chiarificano meglio di un lungometraggio l'esistenza statica che ci ritroviamo a vivere.
Tutto cominciò con un pipistrello che volò sul nido del... vabbé: e ci ha portato fino alle uova di Pasqua (qui). Ed oltre. Molto oltre. Oltre la sfera del tuono. Verso l'infinito ed oltre. Quante sorprese!
Natale con i tuoi e Pasqua co' vid-19: te lo saresti mai aspettato (qui)?
Ma cerchiamo di impostare un discorso organico (come i rifiuti!): da dove siamo partiti?


Tonici glutei

Per fare un gluteo, ci vuole un muscolo; per fare il muscolo, ci vuole...
Hai cantato, dì la verità.
Ma è difficile trovare culi che parlano, figuriamoci quelli canterini!
Come fare senza ricorrere all'opera dei colleghi del dr. Frankensteen?
Come fare ad evitare le pozioni di Lisle Von Rhoman (la splendida Isabella Rossellini de La morte ti fa bella, diretto dal geniale Robert Zemeckis)?
E mò te lo dico.

Equilibrium & virus

Solo Dio edio sappiamo quanto è difficile mantenere in equilibrio ragione e sentimento?

Anche Jane Austen c'ha scritto qualcosa su, per carità. Ma lì non c'era sviscerata alcuna lotta interiore, se non quella rappresentata nelle due sorelle disturbate dalle adolescenziali tempeste ormonali.
No: ragione e sentimento sono roba seria. Qualcosa che coinvolge i destini del mondo.
Si pensi al diverso approccio adottato per contenere il virus Covid-19 in Italia e in Inghilterra: il premier conte ha optato per la sentimentale salvaguardia dei singoli puntando sul contenimento e radendo al suolo l'economia di una nazione; Boris Johnson ha invece preferito mantenere viva l'economia della nazione prendendo ragionevolmente in considerazione le prospettate perdite umane.

Chi è nel giusto? Chi vivrà, vedrà.

La matrice al tempo del coronavirus

Il coronavirus ha stravolto la nostra esistenza.
È un dato.
Quello che forse a qualcuno non risulta ancora chiaro, è che gli effetti li pagheremo ben oltre il tempo presente.
Che ne sarà di noi?
Noi abituati ad alzarci alle sette del mattino, come zombie, per recarci al lavoro ogni giorno che Dio manda sulla Terra.
Noi abituati ad andare in palestra tre volte a settimana, e che ci rechiamo in vacanza d'estate in Costiera e in inverno a Cortina. Roba da perderci la testa!
Nulla sarà più come prima: ci sarà un ante covid-19 e un post covid-19. Un nuovo anno zero.